29 Novembre 2019,
 0

Quando si acquista un nuovo appartamento che non si annovera come nuova costruzione, tanto nella cittadina laziale quanto nel resto d’Italia, ci sono parecchie probabilità che il primo intervento commissionato a un’impresa edile sia la ristrutturazione bagno formia. Il bagno, infatti, rappresenta l’ambiente più intimo e personale della casa: per questo tutti aspirano a sentirlo proprio il più possibile.

ristrutturazione bagno formia

Ricercando su Google ‘ristrutturazione bagno formia’ o ‘rifacimento bagno formia’, il motore restituisce diversi risultati interessante, tanto a pagamento quanto organici, da valutare con attenzione.

Compariranno, infatti, gli annunci sponsorizzati di grandi catene (con molte probabilità le stesse che si occupano di attività più piccole come la trasformazione vasca in doccia) che operano su tutto il territorio nazionale e che impiegano pochissimi giorni per il rifacimento del bagno e gli annunci di imprese edili più piccole, ma altrettanto specializzate, capaci di soddisfare le esigenze del Cliente nei medesimi tempi ma a costi nettamente inferiori.

Per questo è importante chiedere più preventivi, formulati a seguito di sopralluogo, e poi scegliere la quotazione e, di conseguenza la ditta, che presenta maggiori vantaggi in termini di rapporto qualità prezzo. Ovviamente, il costo della ristrutturazione varia se si tratta di un rifacimento del bagno totale o parziale.

rifacimento bagno: totale o parziale

Che si tratti di un rifacimento bagno totale o parziale, è importante che l’impresa scelta per la ristrutturazione applichi comunque delle accortezze che salvaguardino il resto dell’appartamento, onde evitare che polvere e calcinacci cospargano il pavimento e vadano in giro per casa.

Inoltre, è importante controllare bene scarichi, tubature e guarnizioni, onde evitare che si possano verificare delle problematiche, quali perdite d’acqua o infiltrazioni, alla fine del lavoro.

Qualora si tratti di una ristrutturazione che prevede una manutenzione straordinaria (es. rifacimento impianto idrico-sanitario), l’intera lavorazione può essere soggetta a detrazioni e sgravi fiscali.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.