20 Gennaio 2021,
 0

Che sia a Roma (o in qualsiasi altra parte d’Italia), quando si acquista un nuovo appartamento non proprio appena fatto, ma non si hanno a disposizione molti soldi, la prima lavorazione effettuata dai neo-proprietari dell’immobile è la ristrutturazione bagno a roma.

La stanza da bagno rappresenta, infatti, l’ambiente più intimo e personale della casa ed è naturale che ognuno aspiri a sentirlo suo il più possibile, tanto nella forma quanto nella sostanza. Per questo motivo, molto imprese edili della Capitale hanno fatto della ristrutturazione bagno, completa o parziale, il loro core business.

ristrutturazione bagno a roma

Digitando su Google ‘ristrutturazione bagno a roma’ o ‘rifacimento bagno roma’, la ricerca restituisce diversi risultati interessante, sia a pagamento che organici.

Compariranno, infatti, gli annunci sponsorizzati di grandi catene (con molte probabilità le stesse che si occupano di attività più piccole come la trasformazione vasca in doccia) che operano su tutto il territorio nazionale e che impiegano pochissimi giorni per il rifacimento di questa parte della casa e gli annunci di imprese edili più piccole, ma altrettanto specializzate, in grado di soddisfare le esigenze del Cliente nei medesimi tempi ma a prezzi nettamente più contenuti.

L’ideale è quello di farsi fare più preventivi, a seguito di sopralluogo, e poi scegliere la quotazione e, di conseguenza la ditta, che presenta maggiori vantaggi in termini di rapporto qualità prezzo. Ovviamente, il costo della ristrutturazione varia se si tratta di un rifacimento del bagno totale o parziale.

restyling bagno: totale o parziale

Che si tratti di un restyling bagno totale o parziale, è importante che l’impresa scelta per la ristrutturazione applichi comunque delle misure che salvaguardino il resto dell’appartamento, al fine di evitare che polvere e calcinacci invadano il pavimento e l’intera casa.

Inoltre, è importante controllare bene scarichi, tubature e guarnizioni, onde evitare che si possano verificare delle problematiche, quali perdite d’acqua o infiltrazioni, alla fine del lavoro.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.