10 Febbraio 2019,
 Off

Cercavate in rete una guida su come cambiare la vasca in doccia? Cercheremo di essere concisi e chiari: in poco più di trecento parole vi accompagneremo passo passo nello scoprire le attività necessarie alla sostituzione della vostra vecchia da bagno con una nuova, ampia e confortevole cabina doccia.

come cambiare la vasca in doccia

Di seguito trovate gli step da seguire prima di affidare il lavoro di cambio vasca in doccia in casa vostra a una determinata ditta.

1. Cercate di avere almeno tre nominativi a cui rivolgervi

A meno che non sia vostro fratello ad effettuare presso la vostra abitazione il passaggio da vasca a doccia, cercate di ottenere almeno tre nominativi. Ma come fare ad ottenerli?

Attraverso il consiglio di un amico o parente, tramite la ricerca sul web oppure grazie a uno spot televisivo o a una pubblicità vista per caso su un quotidiano free press letto in metro riuscirete certamente ad avere tre nominativi a cui rivolgervi.

2. Organizzate un sopralluogo

Un volta ottenuti i tre nominativi contattateli e organizzate un sopralluogo con un responsabile di ognuno delle tre ditte (ovviamente in momenti diversi). Interrogateli sulla fattibilità e la difficoltà del lavoro, ascoltate le soluzioni e idee che vi propongono, fate tutte le domande che vi vengono in mente, le stesse a tutti e tre. Pretendete una tempistica certa per la ricezione del preventivo.

3. Valutate i preventivi

Sperando che le ditte interessate abbiano rispettato i tempi per la formulazione e invio del preventivo, siete adesso nella condizione di valutare le offerte guardando ovviamente i prezzi, ma non solo. Infatti, il costo del lavoro è, si, importante ma va “pesato” e confrontato con quanto ci si è detti in fase di sopralluogo e sulla qualità dei materiali che vi sono stati quotati.

Non sempre il costo inferiore è il peggiore e non sempre quello più alto il migliore. Il nostro consiglio è optare sempre per quello di mezzo.

Se poi, invece, i costi sono tutti e tre ravvicinati mettete in campo un altro parametro, l’empatia, e scegliete l’impresa che a pelle vi ha trasmesso maggiore fiducia.

Condividi su: